Lezione di ecologia

Ieri ho detto alla mia mamma lo sai che ieri sono andato ad una interessantissima riunione dove abbiamo parlato di tutela dell’acqua perché l’acqua è un bene comune che dobbiamo preservare perché è una risorsa limitata che non dobbiamo dare in pasto a poche grandi società private e vi saranno presto guerre per accaparrarsela e l’altro giorno della strategia rifiuti zero, importantissima per evitare la nascita di nuovi inceneritori, ampliamento di discariche ma non solo, attraverso la riduzione dei rifiuti otterremo riduzione del consumo di risorse di questo pianeta, di energia, non devasteremo ulteriormente il nostro paesaggio, insomma davvero qualcosa davvero rivoluzionario……ma mentre tento di sfoggiare il mio sapere e faccio esplodere la mia volontà di cambiamento sento un botto, oddio la mia mamma presa da una botta di sonno profondo si è rovesciata sull’acquario rompendolo in tanti pezzi
In un sol colpo vedo i miei nobili intenti andare in frantumo, la mamma non c’ha capito una mazza di quello che ho detto, ho sprecato l’acqua contenuta nell’acquario ed ho prodotto un rifiuto (l’acquario appunto), ed un povero pesce per il quale ho ringraziato Dio di averlo creato muto

Allora mi sono detto: avrò sbagliato qualcosa? La risposta era facile ma trovare strade alternative era complesso
La mia missione era quello di far capire alla mia mamma, persona come tante, non passata per baci accademici ma comunque carica di esperienza e saggezza, che l’amore per la vita e la felicità passa attraverso la cura dell’ambiente. E se la mia mamma mi avrebbe ascoltato allora poteva fungere da cassa di risonanza di queste tematiche, fuori dalla cerchia delle pur interessanti persone incontrate in riunioni e convegni.
Mi son detto se il mio scopo è quello di rendere felici le persone in armonia con tutto ciò che ci circonda, forse è meglio partire dal fondo: facciamole divertire e magari di tanto in tanto anche riflettere su argomenti difficili ma spiegandoli in maniera semplice.

E così, ho condiviso il mio ragionamento con brillanti e volenterosi giovani ed è nata l’Associazione Eco-Fatto all’interno della quale abbiamo raccolto informazioni legate alla tutela dell’ambiente e degli abitanti di questo pianeta e da lì partorito uno spettacolo teatrale semiserio dal titolo Eco-Fatto “Ridendo e Scherzando Salviamo l’Ecosistema”.
Spettacolo in cui al mio monologo alterno della musica a tema e nel quale cerco di riflettere sui nostri stili di vita, a volte molto stupidi e infelici, in modo divertente (almeno spero!!) e popolare. Lo spettacolo sarà a basso consumo e alimentato dall’energia alternativa che ritengo più importante, il motore della nostra vita, della nostra società, il sorriso!!!
Si tratteranno argomenti che riguardano l'ecologia del quotidiano:
Peché continuiamo a bere l'acqua minerale?
Perché il packaging dei prodotti di largo consumo è così esasperato?
Perché siamo così consumisti da arrivare a buttare prodotti ancora funzionanti?
Perché sprechiamo energia?
Ma soprattutto, quali sono le possibili soluzioni?
Obiettivo divulgare quelle poche informazioni utili nella quotidianità che troppo spesso sono soffocate, dai poteri forti aventi troppi interessi in gioco. Per questo ho deciso di dar loro una voce. Poco alla volta da piccoli cambiamenti, tutti insieme, si possono modificare in meglio tante cose.
Insomma  si può vivere ( e molto meglio!!) “consumando” in un altro modo! Si può sprecare meno di quello che facciamo senza grossi sacrifici, basta iniziare e provarci.

FieraBanner

Mailing List

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sulle nostre attività

PROGETTO NON-SPRECO

Partners

logo saponaria 

LOGO SEA gruppo

banner 80x25 mm

Biosolidale 

Comuni Sostenibili